Ministero della Salute: pubblicati i dati ufficiali relativi alle coperture vaccinali del 2019.

Le coperture vaccinali rappresentano l’indicatore per eccellenza delle strategie vaccinali in quanto forniscono informazioni in merito alla loro reale implementazione sul territorio e all’adesione consapevole dei cittadini ai programmi vaccinali. Come tutti gli anni, in questa seconda metà del 2020 sono stati pubblicati dal Ministero della Salute i dati relativi alle coperture vaccinali al 31 Dicembre 2019. I trend di copertura mostrano un leggero miglioramento rispetto agli anni precedenti ma i dati registrati non sono ancora del tutto adeguati.

Per valutare l’implementazione delle strategie vaccinali realizzate su tutto il territorio nazionale, l’indicatore di riferimento è rappresentato dalle coperture vaccinali (CV) i cui valori sono costantemente monitorati dal Ministero della Salute. In particolare, tramite un modello di rilevazione standard, Regioni e Province autonome, entro il 15 Aprile dell'anno successivo a quello di riferimento, inviano i dati relativi a specifiche coorti di nascita (24 mesi, 36 mesi, 48 mesi e 5-6 anni) che comprendono tutti i valori di copertura vaccinale notificati fino al 31 Dicembre dell’anno precedente. I dati vengono elaborati dall’Ufficio 5 della Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria che li rende pubblici tramite il sito web del Ministero della Salute.

Come per gli anni precedenti, dunque, anche quest'anno le regioni hanno trasmesso i dati relativi alle coorti 2017, 2016 e 2015 (cicli di base entro i 24 mesi e recuperi entro i 36 e i 48 mesi), 2012 e 2011 (richiami in età pre-scolare a 6 anni e recupero a 8 anni), 2001 e 2003 (richiami nell’adolescenza a 16 e 18 anni).

In particolare:

A) La copertura vaccinale nazionale a 24 mesi (relativa alla coorte di nascita del 2017), come evidenziato in Fig.1, mostra:

  • per quanto concerne la vaccinazione contro la poliomielite, valori di coperture pari al 95,01% con -0.08% rispetto al 2018, ma con 14 regioni che superano il 95% e 3 che vi si avvicinano (Prov. Autonoma di Trento, Marche e Puglia);
  • un miglioramento anche nel caso della copertura per la prima dose di vaccino contro il morbillo, che mostra un +1.27% rispetto all’anno precedente, con ben 9 Regioni che superano il 95% (Piemonte, Lombardia, Provincia Autonoma di Trento, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio e Abruzzo) e solo una Regione (Provincia Autonoma di Bolzano) che ha una copertura vaccinale inferiore al 90%;
  • un importante aumento delle coperture vaccinali per la vaccinazione antivaricella che raggiunge il 90,50% nel 2019 con un +16,27% rispetto al 2018; per il vaccino anti-rotavirus che per l’anno 2019 registra +6,71% (19,44% nel 2018 vs 26,15 nel 2019) e per la vaccinazione antimeningococcica B che raggiunge il 68,98% di coperture vaccinali nel 2019 con +22,92% rispetto all’anno precedente.
  • un leggero aumento anche per la vaccinazione anti-pneumococcica che supera di 0,11% le coperture vaccinali registrate per il 2018 (91,89%) raggiungendo per il 2019 una copertura del 92,00%.

Fig. 1 Vaccinazioni dell’età Pediatrica a 24 mesi. Anno 2019 (coorte 2017)

B) La copertura vaccinale nazionale a 36 mesi (relative alla coorte di nascita del 2016) come mostrato in Fig. 2, conferma il trend positivo registrato per le coperture a 24 mesi. In particolare i dati mostrano valori più alti rispetto a quelli relativi alle coperture vaccinali rilevate per la medesima coorte di nascita a 24 mesi l’anno precedente; ad esempio:

  • la coorte di nascita 2016 ha una copertura vaccinale anti-polio pari a 96,17% a 36 mesi, rispetto al 95,09% rilevato l’anno prima a 24 mesi (+1,08%);
  • tale incremento è ancor più evidente nel caso del vaccino contro il morbillo i cui valori aumentano del 1,98%, passando da 93,22% (CV a 24 mesi al 31 dicembre 2018) a 95,20% (CV a 36 mesi al 31 dicembre 2019).
  • anche le altre vaccinazioni contenute nell’esavalente e quelle anti-parotite e rosolia superano il 95%.

Fig. 2 Vaccinazioni dell’età Pediatrica a 36 mesi. Anno 2019 (coorte 2016)

C) Per quanto concerne le vaccinazioni in età pre-scolare, generalmente somministrate a 5-6 anni (relative alla corte di nascita del 2012), come evidenziato in Fig.3 si registra invece un trend in diminuzione; in particolare si osserva:

  • una diminuzione dell’1,62% per la seconda dose (ciclo completo) di anti-morbillo (89,20% nel 2018 vs 87,58% nel 2019)”.
  • una diminuzione del 2,09% per la quarta dose di anti-polio (90,71% nel 2018 vs 88,62% nel 2019);